Bicicletta bambino a che età?

0
64
bicicletta bambino

I bambini sono attratti da ciò che è colorato e che si muove, come le biciclette per esempio, ma qual è l’età più indicata per acquistarne una ai propri figli? E soprattutto, che tipo di bicicletta bisogna scegliere?

Il modo di concepire ed affrontare l’infanzia negli ultimi anni è cambiato notevolmente, quindi anche il concetto delle due ruote è stato rivoluzionato. Se in passato i bambini venivano fatti avvicinare alla bicicletta intorno ai 3 anni, oggi già da un anno si potrebbe far spostare i propri figli con una bicicletta speciale.

Sì perché non stiamo parlando delle classiche biciclette da bambini con le rotelle che fino a pochissimi anni fa rappresentavano l’unica scelta possibile, bensì di biciclette senza pedali e senza rotelle, che sono chiamate Balance Bike, Push Bike, Pre Bike o Run Bike.

A prescindere dal nome utilizzato, si tratta dello stesso tipo di bicicletta che si contraddistingue appunto per avere solo due ruote, un telaio, un manubrio ed una sella, oltre che un design estremamente semplice, così come è semplice, se non addirittura intuitivo, per i bimbi piccoli, capire come si usa.

Infatti devono solo sedersi sulla piccola sella e muoversi con i piedi, dandosi ovviamente la spinta con le proprie gambe. Dai 2 anni i bambini possono dunque utilizzare questo tipo di bicicletta e passare poi direttamente alla bici senza rotelle. Questo perché le biciclette senza pedali e senza rotelle aiutano a sviluppare e migliorare gradualmente il senso di equilibrio.

Ed è sempre per questo motivo che andrebbero preferite rispetto alle tradizionali biciclette con rotelle che non contribuiscono a sviluppare l’equilibrio, anzi fanno proprio il contrario, lo alterano!

Cosa significa Balance Bike

All’estero queste nuove biciclette, che abbassano la soglia di età di primo utilizzo delle due ruote, sono molto conosciute, apprezzate ed acquistate, mentre qui da noi in Italia sono viste ancora con un certo scetticismo, che è dettato principalmente da una mancata conoscenza sia del prodotto sia dei vantaggi che comporta. Come tutte le novità, fatica un po’ a stabilizzarsi.

Dicevamo appunto che in Europa, soprattutto nei paesi del nord, è molto usata, ed infatti i nomi che vi abbiamo menzionato poco fa sono tutti inglesi e tutti aventi a che fare con il modo di usare la bici, che è chiamata Balance Bike, cioè “bici dell’equilibrio” proprio perché consente di stabilizzare il senso di equilibrio nel bambino.

Viene altresì chiamata Push o Run Bike rispettivamente perché prevede di spingere con le gambe e correre, infatti i bambini dopo che hanno preso confidenza con il mezzo aumentano sempre di più la velocità, arrivando quasi a correre, o insomma a muovere velocemente le gambe…senza che questo comporti comunque un qualche pericolo!

Vi è anche chi la chiama Pre Bike nel senso di bicicletta che viene prima della bicicletta tradizionale e vi è anche qualche genitore che la fa usare già intorno ai 18 mesi. Se infatti un bambino ad un anno e mezzo ha un buon controllo dei propri movimenti, può trovare un’agevolazione con questa bici, la quale appunto aiuta a mantenersi ancora di più in equilibrio.

I vantaggi della bicicletta senza pedali né rotelle

  • Stimola la percezione di sé, infatti acquisendo e migliorando l’equilibrio, il bambino sviluppa la sua percezione in relazione al mondo esterno. A sua volta questo contribuisce ad un apprendimento più veloce nell’uso della bicicletta con pedali. Viene più naturale quindi guidare una bicicletta normale e non c’è quasi bisogno di sorreggere né spingere il proprio figlio, pratica che ogni genitore ha invece sperimentato con il passaggio della rimozione delle rotelle alla bicicletta.
  • Non è pericolosa perché la velocità non potrà mai essere elevata in quanto è data esclusivamente dalla spinta del bambino; al contrario, le bici con le rotelle possono raggiungere velocità più sostenute e a poco servono i freni se il bambino non li sa usare.

Può essere usata su qualsiasi superficie, anche sconnessa come può essere un prato, un manto stradale non asfaltato o di terra battuta, cosa che invece non è possibile con la bici con le rotelle.

  • Non necessita di manutenzione, non essendo dotata né di catena, pedali o freni, è difficile che presenti un guasto. L’unico intervento che vi si può fare, in alcuni modelli, è alzare l’altezza della sella così da seguire la crescita naturale del bambino.
  • Tanti tipi e modelli tra cui scegliere con prezzi, ma soprattutto materiali differenti: il legno per esempio è esteticamente molto bello ed è altresì resistente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here