Cucinare con i bambini: consigli e benefici del coinvolgimento culinario dei più piccoli

0
83
bambini e cucina solo pro nessun contro

Il momento condiviso della preparazione dei cibi e del pasto in una famiglia è un momento davvero importante, specialmente se impegni quotidiani e lavoro ci tengono lontani tutto il giorno.

Cercare dei momenti di condivisione e trovarli spesso è davvero difficile.
Non riusciamo a trovare mezz’ora da dedicare al nostro partner oppure ai nostri bambini che ancor prima di tutti hanno davvero bisogno di noi.

Un valido suggerimento, se si riesce a preparare qualcosa in casa in presenza dei nostri figli, è quello di coinvolgerli nella preparazione della cena o del pranzo: cucinare insieme è un momento davvero particolare e contribuisce a mantenere forte il rapporto con i vostri piccoli.

Anche se i bambini sono molto piccoli e starete pensando che è impossibile a quest’età, in realtà si può iniziare con poco: lasciargli le bucce delle verdure tra le mani e consentirgli di giocare con quelle, è un modo ottimo di iniziare il coinvolgimento.

Il bambino in questo modo si sentirà partecipe del vostro momento, sentirà di essere insieme a voi e allo stesso tempo inizierà a prendere confidenza in maniera diretta con il cibo.
In un secondo momento questa abitudine porterà vostro figlio a chiedervi di partecipare attivamente alla preparazione del pasto. E questa sarà davvero positivo per il suo sviluppo, nelle diverse fasi.

I primi aspetti positivi riguardano il legame affettivo

Questo modo di condividere i momenti della giornata farà sentire i bambini utili alla famiglia, partecipi e responsabili.
Il legame affettivo genitore e figlio si rafforza enormemente e la fiducia del piccolo nei confronti dell’adulto diventa più solida.
Inoltre, con il tempo, il bambino potrebbe a manifestare grande interesse per questa attività e appassionarsi alla cucina.

Creando una buona abitudine come questa della condivisione, avrete creato anche un momento.
Creare delle abitudini, dei momenti particolari in famiglia è un modo di cristallizzare dei ricordi positivi nella mente dei piccoli, ricordi che torneranno sempre alla mente durante la vita e che contribuiranno al benessere psicologico del piccolo.

Perché è così importante farsi aiutare ai fornelli?

E’ stato dimostrato che coinvolgere i bambini nelle attività culinarie, tra l’altro, contribuisce a stimolare le aree cognitive, il linguaggio e la matematica: versare i liquidi nei recipienti nella misura giusta o contare le uova, tenere considerazione dei gesti che si compiono, aiuterebbe il bambino a sviluppare le capacità mentali e a stabilizzare la soglia dell’attenzione.

Chiedere ai bambini, dopo una certa età ovviamente, di leggere le ricette e seguire le istruzioni è un altro metodo da tenere in considerazione per stimolare la comunicazione.
In questo modo anche il lessico del bambino ne troverà giovamento .

Affidare ai bambini un compito preciso come grattugiare il formaggio oppure aggiungere un po’ d’acqua in un pentolino, servirà a farli sentire responsabili di un piccolo compito.
Grazie alla cucina potrai educare il tuo bambino divertendoti con lui e soprattutto godendoti il tuo bambino

Il coinvolgimento in cucina contribuisce ad affinare il senso del gusto e dell’olfatto, a conoscere il cibo e ad affinare il coordinamento manuale rendendo i bambini più autonomi, e soprattutto far conoscere il rispetto tra bambini o tra persone più adulte.

Insegnare l’arte della cucina sana

Se siete ben disposti verso la condivisione e l’approccio culinario dei bambini, sappiate che la cucina oltre ad essere un punto di ritrovo, può rappresentare anche il luogo adatto per fare imparare qualcosa in più sul cibo ai vostri piccoli.

Avete mai pensato che in cucina i bambini possono acquisire nuove sane abitudini? Se siete alla prese con un bimbo difficile nei gusti, che mangia mal volentieri cibi sani, potreste pensare di ideare qualche ricetta sfiziosa adoperando quei cibi poco graditi.

Coinvolgendo il bambino in un’attività ricreativa, noterete una maggiore disponibilità ad assaggiare pietanze che prima vi sembrano impossibili da far mangiare. Provare per credere!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here