Punti Rossi sulla pancia del bambino: possibili cause

0
282
orticaria o sudore? bambino

E’ molto frequente nei bambini manifestazioni cutanee dovute ai motivi più vari.
Molto spesso queste reazioni sono il frutto di semplice sudore e irritazione.
Più raramente si tratta di malattie infettive dermatologiche.

In ogni caso è bene rivolgersi al proprio pediatra di fiducia, per scongiurare qualsiasi rischio e per avere la certezza che si tratti soltanto di una reazione transitoria.

Non affidatevi mai all’autodiagnosi.
Questa è la prima regola. A maggior ragione, se qualcuno vi indica la papabile diagnosi in base alla propria esperienza, non dategli credito.
Questo perché ogni bambino presenta una storia clinica a sé ed è diverso da un altro.

Possibili cause dei puntini rossi sulla pancia

Le eruzioni cutanee sono spesso irrilevanti casi di irritazione dovuta a risposte superficiali nei confronti di specifici prodotti per la pelle.
Nei casi un pò più gravi si terrà conto di probabile infezione batterica, micotica o virale.

Molto comune è il caso dei puntini rossi: se notate dei puntini, potrebbe trattarsi di orticaria, che non è una patologia ma semplicemente una reazione del corpo, e più nello specifico del sistema immunitario che rilascia istamina.

Questa sostanza è la responsabile del gonfiore, del rossore e dei puntini rossi che si evidenziano su una zona estesa di pelle.
E’ bene evitare allarmismi: spesso le mamme credono che si tratti di una patologia contagiosa, ma l’orticaria è una semplice reazione ad un qualcosa che sta avvenendo nel corpo, per cui non può essere contagiata attraverso il contatto come può accadere nel caso di un fungo o di un batterio.

Cosa scatena l’orticaria?

Le cause possono essere molteplici. Si va dall’infezione all’allergia.
Anche una malattia autoimmune può manifestare tra i primi sintomi l’orticaria.
E’ proprio per questa moltitudine di possibili cause che non bisogna mai affidarsi al fai da te e rivolgersi al pediatra per individuarne l’origine scatenante. Qualsiasi cosa abbia scatenato la risposta immunitaria ha un’origine, una diagnosi e una cura differente da un’altra.

Anche nel caso in cui sospettiate un’allergia alimentare è bene evitare di eliminare dalla dieta alcuni alimenti.
Le cause di un’allergia possono variare molto.
Se non si effettuano prove allergiche non è semplice individuare l’allergene che può identificarsi con la polvere o con un determinato cibo.

Prime azioni da mettere in atto in caso di sospetta allergia

Per poter rimediare al fastidio cutaneo, e donare sollievo prima di individuare la causa scatenante, è necessario recarsi da un medico che somministrerà un antistaminico.

Questa tipologia di farmaco funge da antidoto e allontana la causa che revoca il rilascio di istamina.

A volte l’orticaria viene fuori accompagnata da gonfiore.
In questi casi il pediatra o il medico di base potrebbe prescrivere un cortisone. Ma questa soluzione spesso prolunga il decorso della reazione allergica e camuffa l’origine del problema.

Molto comune, oltre all’allergia come causa scatenante è la sudamina.
Questa compare attraverso la manifestazione di puntini rossi dovuti all’ostruzione dei dotti delle ghiandole sudoripare. Solitamente la sudamina non arreca prurito, se non in casi molto gravi, ma dio contro, rende la pelle molto ruvida al tatto.

Se il bambino non manifesta fastidio probabilmente si tratta proprio di sudamina.

Questo disturbo è molto frequente d’estate perché la pelle suda molto e i dotti sudoripari dei più piccoli ancora non sono ben sviluppati e non funzionano nella maniera ottimale.

Questi dotti tendono ad ostruirsi e il sudore anziché evaporare e venire fuori resta all’interno dei canali sotto pelle.
Negli adulti questa tendenza topica è pressoché assente in quanto la pelle ha raggiunto già quel grado di maturità tale da consentire una termoregolazione ottimale.

Per far fronte ad una situazione simile, a livello topico, si possono adottare alcuni accorgimenti: è utile, ad esempio, fare un bagno fresco al piccolo, svestirlo per favorire la traspirazione e optare per indumenti di cotone fresco.

Un valido aiuto potrebbe essere l’aggiunta di un po’ di amido di riso nella vaschetta da bagno che asciuga la pelle e assorbe il sudore in eccesso.

Per prevenire la comparsa di sudamina è fondamentale cercare di tenere il bambino il più possibile in un ambiente fresco e ventilato.

Il ricambio d’aria è importante non solo per far respirare bene il piccolo ma anche per mantenere la pelle ad una temperatura ottimale.

Il ricambio d’aria è un’argomento trattato anche nell’articolo Bambino sotto antibiotico

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here